Feed RSS

Frittelle con l’uvetta

Inserito il

Ingredienti

  • 300 g di farina
  • 160 ml di latte
  • uova
  • 120 g di zucchero
  • 90 g di uva sultanina
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 limone
  • Porto o rum per ammollare l’uvetta
  • Zucchero per decorare
  • Olio di semi per friggere
  • Realizzazione
  • Mettere le uvette a bagno nel liquore
  • Montare le uova con lo zucchero, aggiungere il latte e la scorza grattugiata del limone
  • Aggiungere la farina setacciata assieme al lievito
  • Mescolare e unire l’uvetta con un po’ del liquore
  • lascia riposare per un quarto d’ora.
    6) Riscalda l’olio per friggere in una padella o nella friggitrice.
    7) Quando sarà ben caldo ( ma non fumante ) prendi un cucchiaio di pastella e immergila nell’olio bollente.
    8) girare e quando è cotta da entrambi i lati togliere dal fuoco e passare nello zucchero

Cestini di grana con salmone e rucola

Inserito il
  1. Scaldate una padella antiaderente, dopodiché versate il parmigiano grattugiato dando una forma circolare.
  2. Cuocete a fuoco basso, quando inizia a fondere spargetevi un po’ di parmigiano nei punti in cui si formano dei buchetti.
  3. Con una palettina iniziate molto delicatamente a staccare i bordi, poi prendetelo e rovesciate sopra un bicchiere e dategli la forma di un cestino con le man

Appena si sarà raffreddato potete farcirlo con rucola, i pomodorini tagliati in 4 e il salmone tagliato a listarelle

https://blog.giallozafferano

Brasato all’Amarone

Inserito il
  • 1 kg di scamone di manzo
  • 1 bottiglia di Amarone Classico della Valpolicella
  • 2 cipolle
  • 2 scalogni
  • 2 carote
  • 1 sedano
  • farina
  • chiodi di garofano
  • ginepro
  • 1 foglia di alloro
  • 1 rametto di rosmarino
  • sale e pepe
  • olio extra vergine di oliva
  • una noce di burro

Come preparare il brasato all’Amarone

La ricetta è molto semplice, se volete preparare un buon brasato servono solo due cose: il taglio giusto di carne e una buona bottiglia di Amarone, che sarà la stessa che andrete ad abbinare al piatto finale. Tutto qui. I tempi sono lunghi e dovete preventivare anche la marinatura di una notte intera. I tagli consigliati per un brasato perfetto sono lo scamone di manzo, un pezzo di muscolo di coscia o la sottofesa, ma non disdegnate anche parti meno nobili come la guancia. Detto questo possiamo partire.

Versate l’Amarone in un recipiente capiente, aggiungete le carne, gli aromi, un filo d’olio e le verdure tagliate a rondelle. Coprite e lasciate a macerare per tutta la notte in un luogo fresco.

Il mattino ha l’oro in bocca e questo è vero ancora di più per chi vuole preparare un buon brasato, visto che la cottura sarà di almeno 3 ore.

Togliete la carne dal liquido e infarinatela leggermente, passatela in padella per dorarla da ogni lato e poi mettetela in una pentola di ghisa con tutte le verdure e la marinata. Aggiungete sale e pepe e lasciate cuocere a fuoco lentissimo, per almeno 3 ore. Se siete così fortunati da avere un camino, mettetela vicino al fuoco con le braci vicine per una cottura d’altri tempi.

Quando è pronto, prendete le verdure e passatele al setaccio fine, mettete una noce di burro, correggete di sale e pepe. La salsa deve risultare ben densa, se è troppo liquida aggiungete un poco di farina.

Aspettate che la carne si raffreddi leggermente, tagliate a fette spesse e tuffate la carne nella salsa, che terrete al caldo.

Per completare, non può mai mancare una bella polenta da servire con un paio di fette di brasato. Se vi piace, potete accostare anche dei funghi trifolati con burro, aglio e prezzemolo.

https://winedharma.com/ricette/cucina-veneta-come-preparare-il-brasato-allamarone/

Arrosto di maiale con frutta secca

Inserito il

Idee natalizie:

Ingredienti

  • 1 Kg di lonza di maiale
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 foglie d’alloro
  • 150g di albicocche secche
  • 150g di prugne secche
  • 40g di mandorle
  • 15g di pinoli
  • 750ml di brodo di carne
  • 1 bicchiere di porto
  • Olio extravergine d’oliva
  • 1 noce di burro
  • 1 cucchiaio da tè di maizena
  • Sale
  • Pepe

Procedimento:

  1. Asciugate la carne con della carta da cucina e massaggiatela bene con sale e pepe.
  2. In una casseruola scaldate un giro d’olio con il burro, lo spicchio d’aglio schiacciato e le foglie di alloro. Fateci rosolare la carne a fiamma viva da ogni lato finchè non sarà ben dorata e sigillata. Sfumate con la metà del porto e, quando sarà ben evaporato aggiungete l’altra metà, abbassate la fiamma, coprite e cuocete a fiamma dolce per circa 2 ore e mezza. Se necessario aggiungete di volta in volta brodo di carne caldo durante la cottura, regolate di sale e pepe.
  3. Dopo la prima ora aggiungete la frutta secca in modo che abbia tempo di reidratarsi e rilasciare dolcezza e aromi.
  4. Quando l’arrosto al porto sarà cotto toglietelo dalla casseruola, filtrate il fondo tenendo da parte la frutta secca, aggiungete una tazza circa di brodo caldo e preparate la salsa: regolate se necessario di sale, portate ad ebollizione e versatevi dentro la maizena precedentemente stemperata in un cucchiaio di brodo tiepido. Mescolate e lasciate ridurre finchè la salsa non sarà ricca e corposa. Aggiungete nuovamente la frutta secca.
  5. Tagliate l’arrosto a fette e nappate con la salsa e la frutta. Servite.

https://www.ilgattoghiotto.it/2017/secondi-piatti/arrosto-al-porto-frutta-secca/

Per il pranzo di Natale

Inserito il

Maiale con frutta secca

  • 800-900 g  Lonza di maiale
  • 100 g  Pancetta affumicata(a fettine) 
  • 150 g  Albicocche disidratate
  • 50 g  Mirtilli rossi disidratati
  • 50 g  Mandorle pelate
  • 2  Scalogni
  • 1 costa  Sedano
  • 1 bicchiere  Vino bianco
  • 1 pizzico  Zenzero in polvere
  • 1 rametto  Rosmarino
  • 1 foglia  Alloro
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe

Preparazione

  1. Prendete la carne e rifilatela da eventuali nervetti o parti troppo grasse. Massaggiatela tutto intorno con pepe, zenzero e del sale aromatizzato alle erbe (se non lo avete, utilizzate il sale comune).Avvolgete l’arista con la pancetta affumicata, in modo da ricoprirla quasi interamente, poi legatela bene con dello spago da cucina.Mettete la carne a riposare e ad insaporirsi in frigorifero, all’interno di un recipiente chiuso, per un paio d’ore, o anche per più tempo, se potete.
  2. Trascorso il tempo, scaldate una padella antiaderente e fatevi rosolare l’arista a fuoco alto, da tutti i lati. Sistematela poi in una pirofila da forno. Sfumate il fondo con un bicchiere di vino, raccogliete i succhi lasciati dalla carne, e versate il liquido nella stessa pirofila.Aggiungete un rametto di rosmarino, una foglia di alloro e un filo di olio extravergine, poi mettete la teglia in forno caldo a 180°, coprendola con della carta stagnola.
  3. Tagliate grossolanamente le albicocche, gli scalogni, il sedano e le mandorle. Dopo 40-45 minuti di cottura, estraete l’arrosto dal forno e unite al suo sughetto i mirtilli rossi, la frutta secca e le verdure. Le albicocche e i mirtilli che ho usato sono disidratati ma comunque morbidi, se i vostri fossero molto secchi, ammollateli in acqua tiepida prima di utilizzarli.Rimettete in forno a cuocere per altri 45 minuti circa, togliendo la stagnola per gli ultimi 10-15 minuti.
  4. Se vedete che il fondo di cottura si asciuga troppo, aggiungete un po’ di acqua calda o brodo.Al termine, quando l’arrosto sarà cotto e ben rosolato all’esterno, spegnete il forno e fatelo riposare per qualche minuto.
  5. Eliminate lo spago e tagliate l’arista di maiale con frutta secca a fettine piuttosto sottili. Servite l’arrosto ben caldo, cospargendo con un po’ del suo sughetto.
  6. https://blog.giallozafferano.it/pelledipollo/arista-di-maiale-con-frutta-secca/

Preparazione

  1. Praticare nella lonza un profondo taglio senza arrivare all’altra estremità, per ottenere una specie di tasca.
  2. Mettere a marinare nel marsala la frutta secca, per circa mezz’ora, poi inserirla, sgocciolata, nella tasca della lonza, riempirla bene e chiudere cucendo l’apertura con il filo bianco.
  3. A questo punto, tagliare uno spicchio d’aglio a fettine sottili, fare piccole incisioni con un coltello sulla superficie della lonza e infilarvi l’aglio.
  4. Mettere la carne in una teglia, sciogliere 1 cucchiaio di miele nel marsala usato per marinare la frutta e versarlo sulla lonza. Salare e pepare e distribuire qua e là qualche fiocchetto di burro.
  5. Infornare a 180° per 50 minuti circa, bagnando ogni tanto la carne con il suo sughetto e, se la lonza tende a bruciare, coprirla con un foglio di alluminio.
  6. Al momento di servire, eliminare la cucitura e presentare l’arrosto a fette bagnato con il suo fondo di cottura.
  7. FILETTO DI MAIALE IN CROSTA DI FRUTTA SECCA

Preparazione

1) Prepara gli ingredienti. Spella e trita 1 cipolla. Fai sciogliere 20 g di burro in una padella con 1 rametto di salvia; unisci 600 g di filettodi maiale e rosolalo con un pizzico di sale e una macinata di pepe. Toglilo dal fuoco (tieni da parte la padella con il fondo di cottura), avvolgilo in un foglio d’alluminio e fallo intiepidire. Trita grossolanamente 50 g di pistacchi sgusciati e 50 g di mandorle pelate nel mixer. 

2) Cuoci il filetto. Sbatti leggermente 1 albume in una ciotola e unisci 40 g di parmigiano reggiano grattugiato. Apri l’alluminio, metti da parte la carne e versa sul foglio di alluminio il trito di frutta secca, allargandolo. Spalma il filetto intero con il composto di parmigiano e fallo rotolare nel trito di mandorle e pistacchi, ricoprendolo in modo uniforme. Avvolgi nuovamente il filettonell’alluminio e chiudilo bene. Mettilo in una pirofila e cuocilo in forno già caldo a 200° C per 25 minuti. 

3) Completa e servi. Intanto, sfuma il fondo di cottura rimasto nella padella con 1 bicchierino di brandy e fallo addensare, mescolando; elimina la salvia e filtra il fondo. Fai riposare il filettoancora avvolto per 5 minuti, poi toglilo dall’alluminio e taglialo a fette. Servilo con la salsa preparata, guarnendo i piatti, a piacere, con mandorlea filetti.

https://ricette.donnamoderna.com/filetto-di-maiale-in-crosta-di-frutta-secca

Salsa in agrodolce

Inserito il

Ingredienti per 2/3 persone:
30 ml di ketchup
30 ml di salsa di soia
30 ml di aceto bianco
35 g di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di fecola di patate

Preparazione:
mettere tutti gli ingredienti nel bicchiere del mixer a immersione, azionare per 1 minuto.
Versare il composto così ottenuto in un pentolino antiaderente e cuocere a fuoco dolce per 2 minuti dall’ebollizione sempre mescolando.
La salsa si addenserà un pochino. Togliere dal fuoco e lasciare raffreddare prima di servire .

https://www.lacucinadellapallina.it/2014/01/salsa-agrodolce-cinese-per-involtini.html

Arrosto di maiale con frutta secca e marsala

Inserito il

Procedimento:

  1. Asciugate la carne con della carta da cucina e massaggiatela bene con sale e pepe.
  2. In una casseruola scaldate un giro d’olio con il burro, lo spicchio d’aglio schiacciato e le foglie di alloro. Fateci rosolare la carne a fiamma viva da ogni lato finchè non sarà ben dorata e sigillata. Sfumate con la metà del porto e, quando sarà ben evaporato aggiungete l’altra metà, abbassate la fiamma, coprite e cuocete a fiamma dolce per circa 2 ore e mezza. Se necessario aggiungete di volta in volta brodo di carne caldo durante la cottura, regolate di sale e pepe.
  3. Dopo la prima ora aggiungete la frutta secca in modo che abbia tempo di reidratarsi e rilasciare dolcezza e aromi.
  4. Quando l’arrosto al porto sarà cotto toglietelo dalla casseruola, filtrate il fondo tenendo da parte la frutta secca, aggiungete una tazza circa di brodo caldo e preparate la salsa: regolate se necessario di sale, portate ad ebollizione e versatevi dentro la maizena precedentemente stemperata in un cucchiaio di brodo tiepido. Mescolate e lasciate ridurre finchè la salsa non sarà ricca e corposa. Aggiungete nuovamente la frutta secca.
  5. Tagliate l’arrosto a fette e nappate con la salsa e la frutta. Servite.

Ciambellone all’uva

Inserito il

160 g zucchero

150 g acini di uva rossa e bianca

135 g farina

100 g uova

80 g olio di mais

30 g fecola di patate

5 g lievito in polvere per dolci

zenzero fresco

Procedimento

Per preparare il ciambellone all’acqua, zenzero e uva, montate le uova con lo zucchero fino a raggiungere una consistenza spumosa.

Mescolate l’olio con 80 g di acqua e unite la miscela alle uova, sempre con le fruste in funzione.

Grattugiate un pezzetto di zenzero fresco e strizzate la polpa fino a ottenere 1 cucchiaino di succo; unitelo al composto di uova.

Incorporate infine la farina setacciata con la fecola e il lievito, ottenendo un impasto abbastanza cremoso.

Ungete uno stampo da ciambellone (ø 20 cm) e versatevi il composto, riempiendolo per 3/4.

Tagliate in due gli acini di uva e privateli dei semi; distribuitene metà nello stampo e infornate il dolce a 170 °C per 10 minuti. Aggiungete quindi gli acini di uva rimasti e cuocete ancora per 35-40 minuti.

Dalla Cucina italiana

Tigelle modenesi

Inserito il

6-8 persone porzioni

500 g farina

60 g strutto

50 g lardo

40 g lievito di birra

aglio

rosmarino

sale

Procedimento

PER LE TIGELLE

Step 1

Impastate la farina con un pizzico di sale, lo strutto e il lievito, sciolto in 250 g di acqua tiepida.

Step 2

Lavorate gli ingredienti fino a ottenere un panetto omogeneo. Lasciatelo lievitare coperto per circa 1 ora in un luogo tiepido.

Step 3

Stendetelo poi a 4-5 mm di spessore; tagliate la sfoglia con un tagliapasta tondo di circa 8 cm di diametro.

Step 4

Cuocete i dischi sui ferri da cialde unti con un po’ di lardo (in alternativa, su una piastra, anch’essa unta con un po’ di lardo, voltando le tigelle).

PER COMPLETARE

Step 5

Tritate il lardo insieme con un pezzettino di aglio e gli aghi di un rametto di rosmarino.

Step 6

Tagliate a metà le tigelle e servitele con il battuto di lardo all’interno.

Step 7

Per arricchire potete completare con un misto di porcini, tipici della zona, in insalata e trifolati con il battuto di lardo, e insaporendo le tigelle nella padella dei funghi (ne serviranno 12).

Da La cucina italiana

Gnocchi verdi fonduta e funghi

Inserito il

PRIMI

Gnocchi verdi, fonduta e funghi

Uno spettacolare piatto di montagna da eseguire scegliendo patate «vecchie», taleggio certificato e i porcini più pregiati

di 

10 ottobre 2022

5.0

(2)

Gnocchi verdi fonduta e funghi
  • Tempo1h 45min

Ingredienti

4-6 persone porzioni

550

g taleggio

500

g patate

400

g porcini

180

g farina

50

g prezzemolo

50

g latte

2

uova piccole

Parmigiano Reggiano Dop

olio extravergine di oliva

burro

timo

sale

pepe

Procedimento

PER GLI GNOCCHI

Step 1

Lessate le patate e schiacciatele, calde, sulla farina; cominciate a impastare con 30 g di burro a pezzetti; unite poi le uova, una manciata di parmigiano grattugiato, sale, pepe e il prezzemolo, sbollentato e frullato.

PER IL RIPIENO

Step 2

Frullate vigorosamente 350 g di taleggio a dadini con il latte caldo, versato a filo. Trasferite in una tasca da pasticciere.

Step 3

Stendete l’impasto di patate in strisce; al centro disponete un filoncino di ripieno. Chiudete ottenendo dei rotolini; tagliateli a rocchetti, sigillandone bene le estremità.

PER LA FONDUTA E I PORCINI

Step 4

Fondete 200 g di taleggio con una noce di burro, stemperando, se serve, con un goccio di acqua.

Step 5

Pulite i porcini, tagliateli a spicchi e rosolateli in padella in un velo di olio con rametti di timo. Salate alla fine.

Step 6

Lessate gli gnocchi in acqua salata, scolateli appena vengono a galla. Serviteli sulla fonduta completando con i porcini.